araab" e' il genere musicale piu' diffuso a Zanzibar. Le origini di tale musica sono rintracciabili nella cultura omanita e persiana.

"Taraab" e' un termine arabo che trova significato nell'espressione lirica, poetica e musicale della gioia. Esso non e' soltanto un mix di stili musicali diversi, ma viene espresso con una vastissima gamma di strumenti moderni od antichi.

Nel corso degli anni, in tali tracce musicali sono confluiti elementi africani e melodie europee contemporanee dovuti alla presenza colonialista britannica. Proprio a quest'ultima, si deve la consuetudine di suonare il Taraab in abiti da sera. E' possibile ascoltare questo tipo di musica in occasione di matrimoni e festeggiamenti diversi. Si rimarra' sbalorditi dal numero dei componenti dell'orchestra, che a volte supera i quaranta elementi e presenta piu' cantori.

La musica Taraab e' solitamente suddivisa in due filoni: quello romantico, usualmente richiesto dagli uomini in dedica alle proprie donne e quello piu' realista, in cui le canzoni servono ad esprimere ed a rendere pubbliche delle vere e proprie accuse verso qualcuno, come in casi di infedelta' od indegnita' riferita a determinate persone, sempre ell’ambito di all'appartenenza al clan. Tale musica si e' diffusa nelle zone di derivazione, divenendo molto popolare soprattutto nei festival di musica etnica.

A Zanzibar e' possibile ascoltare il Taraab presso il Bwawani Hotel, nei concerti serali tenuti presso il suuggestivo anfiteatro dell'Old Fort e presso l’Haile Selaissie' School.

Altre tonalita' musicali sono rintracciabili sull'isola, spesso in occasione di festivita', unite al suono dei tamburi: parliamo dello "Zumari", una sorta di clarinetto e della "Chakatcha", un mix di tamburi molto diffuso usato per danzare.

Tutti gli elementi, foto incluse, contenuti nelle presenti pagine sono realizzati dallo staff di

e sono coperti da copyright.

Qualsiasi utilizzo non autorizzato costituisce illecito penale.